Home Il Punto Notizie Sport Istituzioni Regionali Eventi e Spettacoli Comunicati Stampa I Personaggi
Curiosità Pensieri, frasi e poesie Galleria fotografica Comuni della Provincia Meteo Chi siamo Contattaci
 
Brindisi: i precari dell'ENEA lamentano tagli alla ricerca

Più del 10% del personale del Centro Ricerche ENEA di Brindisi è costituito da ricercatori precari che vi lavorano da anni con diverse tipologie di contratto. Grazie al loro lavoro il Centro di Brindisi primeggia all'interno dell'ENEA e nel territorio per numero di progetti e finanziamenti acquisiti, brevetti e pubblicazioni internazionali (settore dei materiali per l'aeronautica, l'energia, l'elettronica, ecc). Entro la fine del 2010 tutti i contratti andranno in scadenza, senza alcuna prospettiva di rinnovo, nonostante essi siano fortemente coinvolti in attività di ricerca in corso e future, su progetti e commesse. Sebbene precari, molti di essi sono responsabili di laboratori di ricerca ed hanno contribuito in maniera determinante alla stesura di progetti, alcuni dei quali già approvati e finanziati, che si basano sul loro lavoro e comporteranno l'acquisizione di strumentazione tecnologica avanzata che rischia di rimanere inutilizzata. Insomma, gli investimenti fatti dall'Agenzia rischiano di andare in fumo. Il mancato rinnovo dei contratti compromette di fatto la continuità delle attività di ricerca, producendo un danno all'ENEA e alla Regione Puglia che tanto sta investendo in ricerca ed innovazione. Alla luce del decreto Decreto-Legge "recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica" del 28 maggio 2010, che taglia drasticamente per il triennio 2011-2013 il turn over negli enti pubblici di ricerca, compreso l'ENEA, chiediamo:
1) che, nel più breve tempo possibile, vengano messe a bando tutte le posizioni derivanti sia dal turn over 2008, sia dal turn over 2009, per cui si ha già l'autorizzazione a bandire ma non ad assumere. Dal novembre 2009, ovvero da quando era stato reso noto il testo del decreto autorizzativo, si sarebbe già dovuto procedere alla definizione e all'attuazione del piano delle assunzioni, ma non è stato fatto. Chiediamo che in tali bandi di concorso sia giustamente valorizzata l'esperienza maturata in ENEA.
2) che, per il triennio 2011–2013, nonostante i tagli, venga comunque definito un piano di assunzioni in grado di fornire un adeguato percorso di stabilità professionale ai precari dell'Agenzia.
Fra gli enti pubblici di ricerca, l'organico dell'ENEA è secondo solo a quello del CNR: urge dunque una sensata politica di tutela del personale interno che vada al di là dalla mera accettazione delle decisioni del governo, e che impedisca la classica "fuga dei cervelli" verso altri paesi, altri enti o altri settori. Difendere le competenze formatesi e cresciute in ENEA significa dare senso al proprio ruolo e alla propria storia.

Articolo inserito il 16/06/2010
Commenti ed osservazioni

Nessun commento disponibile. Inseriscine uno adesso!


< testo (max 300 caratteri)
< firma
<< Indietro
Altri articoli  
Cronaca
Ostuni: Polizia arresta pregiudicato con 13 grammi di cocaina
TAP, DONNO (M5S): ESPLOSIONE IN GASDOTTO AUSTRIACO SIA MONITO PER ITALIA
Natale in vetrina…. Riapertura termini di partecipazione
A partire dal 1° gennaio 2019 tra le aziende sarà ammessa solo la fatturazione elettronica.
Eventi e spettacoli
IL PARADOSSO DELLA NOSTRA EPOCA
Natale a San Vito dei Normanni : al via la rassegna degli eventi natalizi 2017
Tutto si trasforma
Segnala a TRCB
Contattaci alla ns email o utilizza
questo modulo
Il meteo


BIOTESTAMENTO: LEGALIZZATA L'EUTANASIA IN ITALIA
PESCA: APPROVATE MISURE DI SOSTEGNO PER L'ACCESSO AL CREDITO E AI FINANZIAMENTI
Da oggi puoi usufruire di un contributo a fondo perduto di € 10.000 per l'innovazione tecnologica della tua azienda.
“Al fianco dei medici nella giornata di sciopero nazionale. Anche in Puglia la situazione è ormai al limite”
Brindisi, Crisi GSE. Bozzetti: “Per l'indifferenza della Regione centinaia di lavoratori rischiano di andare a casa
I Giovani Imprenditori pugliesi puntano alla Borsa
PESCA: CRESCE IN PUGLIA L'ACQUACOLTURA
GUARDIA DI FINANZA: MANCATA RISCOSSIONE DEI TICKET SANITARI PER PRESTAZIONI DI PRONTO SOCCORSO. ACCERTATO DANNO PATRIMONIALE AL S.S.N. PER OLTRE 130 MILA EURO
BARI : IL MUNICIPIO I DESTINA 35.000 EURO PER IL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE PIÙ FRAGILI DEL TERRITORIO
TARANTO E BRINDISI, OLTRE LE GRADUATORIE
CONTROLLO SPESA SANITARIA E RISPETTO DELLA LEGALITÀ SOTTOSCRITTA OGGI PROROGA CONVENZIONE REGIONE PUGLIA E GUARDIA DI FINANZA
 
 
Avvisi legali Siti amici Archivio TG Archivio Servizi Archivio Trasmissioni Contattaci Site by CreazioniWeb.COM  
Copyright © TRCB 2017 All rights reserved - T.r.c.b. Via Salandra, 4 - 72017 Ostuni (Brindisi) - P.Iva 01723000749 - Tel 0831/336085 - Fax 0831/339631